Questo sito utilizza cookie di terze parti per raccogliere statistiche in forma anonima. Se desidera approfondire l'argomento o negare il proprio consenso all'utilizzo di tali cookie visiti questa pagina. Chiudendo questo banner e continuando la navigazione acconsente all'utilizzo dei cookie.

Catalogo
Ci-sono-uomini-COP.jpg

condividi

Listino
€ 15.00
Collana
"INEDITI"
Pagine 224
Illustrazioni 190
Dettagli
ISBN 978-88-683208-3-6 - Libro_f.to: 15x21 Copertina:_Colori plastificata Allestimento:_Brossura
Disponibile in
5 giorni lavorativi
Ci sono uomini che non si possono comprare
Speranze, progetti e storia di un Sindaco scomodo: Giuseppe Nanni
Paolo Brunetti

Ho conosciuto Giuseppe a metà degli anni Novanta. Poco dopo Mani Pulite. Me lo ricordo come se fosse ora, in piedi sulla strada che fiancheggia la Chiesa di Sant’Agostino dei Boschi, a Granaglione. Gli descrivevo la mia visione dell’operazione Mani Pulite, tesa, più che alla “pulizia”, ad annientare la classe politica DC/PSI che da tempo gestiva il potere in Italia. Mi ascoltava con attenzione e interesse. Ma io capivo che mi guardava come se fossi un matto. Pochi anni dopo, nel Duemila, sono tornato a Granaglione, mio paese natale, per viverci. È stata l’occasione per poterlo conoscere più a fondo. Settimana dopo settimana, mese dopo mese, anno dopo anno. Curioso come sono di natura, ho cercato di osservare da vicino, chiedendogli spesso anche di “frugare nelle carte”, la sua attività di Amministratore del territorio. Una attività di presenza quotidiana. Di ascolto e attenzione paziente dei problemi di ogni cittadino. Di impegno instancabile per risolverli. Il suo consenso viene da qui. Poi ho imparato a comprendere anche il suo lato “machiavellico” (il fine che giustifica i mezzi). Lui, socialista municipale di nascita, e orgoglioso socialista che non ha mai abbandonato il suo Partito anche quando si è ridotto ai minimi termini, pur di perseguire il progetto di affrancamento ed autonomia del suo Comune, ha stretto alleanze che gli hanno valso, da parte dei suoi (pochissimi in verità) detrattori, la nomea di uomo della destra o uomo dei comunisti a seconda dei momenti storici. Il risultato è che in questi decenni, dal 1985 ad oggi (lo vedrete dalla rassegna stampa) è riuscito a ridare dignità a un Comune, Granaglione, che era considerato la Cenerentola della provincia di Bologna. Lo ha dotato delle infrastrutture essenziali, quali viabilità, rete idrica ed elettrica, toponomastica, banda larga, preservando con ostinazione le sue risorse, acqua in primis, e valorizzandole, vedi la Birra di Castagna, per la quale, quando era ancora nella fase di un’idea da sviluppare, è stato ripetutamente deriso....

€ 15.00  


il tuo carrello
facebook