Trasmutazione Biofisica e Alchimia

di: AA.VV.
Tradotto da Fabrizio Guidi
ISBN: 978-88-683208-2-9
a cura di Paolo Brunetti

In questo lavoro sulle Trasmutazioni Biofisiche vengono presentati i risultati di alcuni esperimenti di Gorge Ohsawa, Michio Kushi e Masashiro Torii, tutti ispirati alle ricerche di Louis Kervran. Viene illustrata, con abbondanza di dettagli sperimentali, la trasmutazione del sodio in potassio, del carbone e dell’ossigeno in ferro e così via: tutte trasmutazioni che avvengono a debole energia. Corentin Louis Kervran (1901-1983) ingegnere e scienziato francese, è considerato un “moderno alchimista”, scopritore delle trasmutazioni atomiche a debole energia. Kervran dimostra che in Natura, sia nella terra sia negli organismi viventi, avvengono numerose trasmutazioni tra elementi. Sono quindi possibili metodi di trasmutazione atomica completamente diversi dagli attuali, che impiegano enormi energie - si tratta in sintesi di procedimenti per intervenire nella materia a livello nucleare, che la scienza attuale ancora non conosce, ma che forse gli alchimisti dell’antico Egitto, della Cina, dell’India o del cosiddetto “oscuro medioevo” conoscevano bene.

Formato: 15x21
Copertina: Colori plastificata
Allestimento: Brossura
Pagine: 52
Illustrazioni: 6
Anno: 2016
€15.00
Quantity

In questo lavoro sulle Trasmutazioni Biofisiche vengono presentati i risultati di alcuni esperimenti di Gorge Ohsawa, Michio Kushi e Masashiro Torii, tutti ispirati alle ricerche di Louis Kervran. Viene illustrata, con abbondanza di dettagli sperimentali, la trasmutazione del sodio in potassio, del carbone e dell’ossigeno in ferro e così via: tutte trasmutazioni che avvengono a debole energia. Corentin Louis Kervran (1901-1983) ingegnere e scienziato francese, è considerato un “moderno alchimista”, scopritore delle trasmutazioni atomiche a debole energia. Kervran dimostra che in Natura, sia nella terra sia negli organismi viventi, avvengono numerose trasmutazioni tra elementi. Sono quindi possibili metodi di trasmutazione atomica completamente diversi dagli attuali, che impiegano enormi energie - si tratta in sintesi di procedimenti per intervenire nella materia a livello nucleare, che la scienza attuale ancora non conosce, ma che forse gli alchimisti dell’antico Egitto, della Cina, dell’India o del cosiddetto “oscuro medioevo” conoscevano bene.

Formato: 15x21
Copertina: Colori plastificata
Allestimento: Brossura
Pagine: 52
Illustrazioni: 6
Anno: 2016
AA.VV.