Manuale clinico-pratico di addestramento assertivo

ISBN: : 978-88-683201-1-9 -Libro f.to15x21 Copertina:a Colori Plastificata Allestimento:Brossura

L’atteggiamento anassertivo si presenta sia come momento di scarsa o nulla stima di se stessi nelle svariate circostanze sociali, sia come momento di eccessiva valutazione di se stessi che porta a ingenerare momenti di tensione, di scontro e violenza (aggressività). La anassertività, cioè l’assenza di atteggiamenti affermativi, ovvero assertivi, quando prevale l’atteggiamento passivo, porta la persona a subire gli altri, a non saper esprimere le proprie opinioni, a non saper prendere decisioni e a dipendere, di fatto, dal giudizio e dall’approvazione altrui. Diversamente, quando prevale l’atteggiamento aggressivo, la persona è spinta a prevaricare gli altri, ad imporre il proprio volere e a non accettarele opinioni altrui, ma anche colpevolizzare, per ogni evenienza sfavorevole, sempre e soltanto gli altri. La conseguenza di questi atteggiamenti conduce all’isolamento (si evita per non subire), o all’emarginazione (si è evitati per prevaricazione), generando un sentimento di perenne frustrazione che può sfociare clinicamente in fobia o in depressione. A differenza di quanto precedentemente pubblicato questo manuale non intende insegnare solo ad accrescere l’assertività delle persone ma ad indirizzare i soggetti coinvolti verso un sufficiente livello di autostima per non risultare “passivi” e/o non soggiacere alle critiche altrui.

Formato:
Copertina:
Allestimento:
Pagine: 318
Anno: 2013
€24.00
Quantity

L’atteggiamento anassertivo si presenta sia come momento di scarsa o nulla stima di se stessi nelle svariate circostanze sociali, sia come momento di eccessiva valutazione di se stessi che porta a ingenerare momenti di tensione, di scontro e violenza (aggressività). La anassertività, cioè l’assenza di atteggiamenti affermativi, ovvero assertivi, quando prevale l’atteggiamento passivo, porta la persona a subire gli altri, a non saper esprimere le proprie opinioni, a non saper prendere decisioni e a dipendere, di fatto, dal giudizio e dall’approvazione altrui. Diversamente, quando prevale l’atteggiamento aggressivo, la persona è spinta a prevaricare gli altri, ad imporre il proprio volere e a non accettarele opinioni altrui, ma anche colpevolizzare, per ogni evenienza sfavorevole, sempre e soltanto gli altri. La conseguenza di questi atteggiamenti conduce all’isolamento (si evita per non subire), o all’emarginazione (si è evitati per prevaricazione), generando un sentimento di perenne frustrazione che può sfociare clinicamente in fobia o in depressione. A differenza di quanto precedentemente pubblicato questo manuale non intende insegnare solo ad accrescere l’assertività delle persone ma ad indirizzare i soggetti coinvolti verso un sufficiente livello di autostima per non risultare “passivi” e/o non soggiacere alle critiche altrui.

Formato:
Copertina:
Allestimento:
Pagine: 318
Anno: 2013
Lino Alberti